2019 World Freshwater Spearfishing Championship

2019 World Freshwater Spearfishing Championship

Forse non molti di voi conoscono questi eventi internazionali di Pesca subacquea sparsi in giro per il mondo, eppure quest’anno in Nuova Zelanda nelle acque del lago Taupo si è svolto campionato acque interne per una pesca selettiva al pesce gatto dove uno dei nostri più esperti pescatori si è non solo messo in gioco ma distinto fra tutti i team presenti.

Mario Manera, il pescatore marchiato Sub Club Brescia ha ottenuto insieme al suo compagno di squadra Gino Gallina, il 2° posto nella categoria Master con i complimenti degli organizzatori e di tutti gli altri partecipanti, e ovviamente anche i nostri.

Ieri sera Mario ci ha raccontato la sua esperienza in questa avventura:
Dove si è svolta la gara?
La gara si è svolta il 9 e il 10 Marzo nell’isola nord della Nuova Zelanda nel lago Taupo, un lago di origine vulcanica, con una estensione di campo gara di circa 15Km.

In cosa consisteva la gara?
La gara era esclusivamente dedicata al Pesce Gatto in quanto è una specie infestante che sta distruggendo il resto della fauna.

Quanti partecipanti eravate?
Eravamo 80 persone divise per categorie e si gareggiava a coppie. la particolarità era che si poteva pescare con un solo “fucile” per coppia, quindi un tuffo ciascuno.

Quali nazioni hanno partecipato?
Oltre a noi Italiani, che eravamo 3 team di 3 categorie diverse, c’erano Stati Uniti – Nuova Zelanda – Australia – Sud Africa – Guam.

Quali erano le categorie in gara?
le categorie erano: Open, Women, Junior, Masters (la nostra), Mixed.

Che differenze avete notato con i team locali?
La cosa che ci ha colpito di più è stata che a differenza nostra, loro pescavano con le Tahitiane e non con i fucili. Questo è stato oggetto di parecchie risate nei nostri confronti, salvo per il risultato finale…
La Tahitiana è un’asta con un elastico legato ad una estremità che può essere prolungata fino a 3 metri, l’elastico viene fatto passare sul pollice e l’asta caricata come una fionda. Questo la rende molto silenziosa e versatile per questo tipo di pesca

Quale è stato il risultato finale?
La competizione si è svolta in due giornate, nella prima abbiamo preso 36 pesci e 28 nella seconda conquistando quindi il 2° posto nella nostra categoria.
Siamo diventati le star del momento ricevendo inviti a cena sia dalla squadra locale che da quella americana. In quei giorni, tra l’altro, c’era anche l’ambasciatore americano che ha insistito per avere la mia maglia in cambio della sua per ricordare questo momento. Non nego che eravamo davvero contenti dell’atmosfera che c’era in quei giorni.

Ovviamente nel periodo trascorso in Nuova Zelanda (3 setimane) abbiamo avuto modo di girovagare con il nostro camper e fare qualche pescata nell’oceano…

 

…The Italians Gino and Mario showed their class taking second in the Masters Division…
Fonte: http://www.freshwaterworlds.com/wp/new-zealand-2019/results/

Da parte di tutto il Sub Club Brescia le nostre migliori congratulazioni a Mario e un grande ringraziamento per averci fatto rivivere la sua esperienza con i suoi racconti.

MC

Lascia un commento